Pastieri, Pasqua sulle tavole ragusane

I pastieri fanno parte della grande famiglia di ‘mpanate e pastizzi, sono piccoli vulcanetti ripieni di carne o interiora e cotti al forno. Questo rustico è tipico del pranzo pasquale e in passato era preparato soprattutto dalle classi più povere. La ricetta originale prevede l’utilizzo di interiora di agnello o capretto, non si usava la carne perché troppa costosa o destinata alla vendita.

Oggi la ricetta originale è poco diffusa, le migliori condizioni di vita ci permettono di usare la carne di vitello o d’agnello (quest’ultima a volte unita alle interiora). In passato venivano preparati esclusivamente a Pasqua, oggi è possibile trovarli in ogni momento dell’anno. Di solito si preparano la sera prima della domenica di Pasqua e possono essere consumati nei giorni seguenti, anche a Pasquetta.

Pastieri, la ricetta

La pasta dei pastieri è fatta di farina di grano duro impastata con acqua, olio e lievito di birra. Gli ingredienti vengono lavorati finché l’impasto non risulta omogeneo ed elastico. Una volta pronto lasciatelo riposare per circa 30 minuti, poi aggiungete lo strutto e impastate nuovamente. Una volta pronto stendetelo e ricavatene una sfoglia sottile dalla quale ricaverete dei dischi di pasta di circa 8-10 centimetri di diametro.

Prepariamo il ripieno. Se scegliete di usare le interiora bisogna prima lessarle e poi tritarle. Una volta pronte aggiungetele alla carne dopo averla soffritta. Se preferite preparare i pastieri solo con la carne, vi limiterete a soffriggere quest’ultima. Tritate il prezzemolo e l’aglio e unitelo alla carne, aggiungete le uova e il formaggio e mescolate energicamente. Impastate finché non otterrete un impasto morbido.

Quando l’impasto sarà pronto disponetene un cucchiaio su ogni disco di pasta e chiudete i bordi come a formare un sacchetto o un piccolo vulcano. Fate in modo che la parte superiore non venga coperta dalla pasta. Disponete i pastieri su una teglia e infornate a 200° per circa 20 minuti.

Una volta pronti potrete gustarli caldi o freddi nei giorni seguenti.

Ingredienti

Ingredienti per la pasta
1 kg di farina di grano duro;
1/4 di panetto di lievito;
70 g di strutto;
olio d’oliva;
sale;
acqua q.b.

Ingredienti per il ripieno
500 gr. di carne macinata di vitello o agnello (o entrambi);
500 gr. di interiora di agnello o trippa di vitello lessati e poi tritati;
(nel caso in cui non si voglia usare le interiara raddoppiate la quantità di carne macinata)
200 gr. di caciocavallo ragusano grattuggiato;
6 uova;
prezzemolo;
aglio;
sale.


Pasqua nei luoghi di Montalbano
I riti di Pasqua a Scicli, Ispica, Comiso e Modica


Pasqua in cucina

Le ricette siciliane della cucina pasquale della provincia di Ragusa

Pasqua sulle tavole Ragusane
Scopri le ricette del periodo pasquale nel sud est siciliano

La cucina delle feste, scacce e ‘mpanate
Viaggio nelle specialità Ragusane

Cassate, il dolce di Pasqua!
No, non è la tipica Cassata siciliana, ma la sua antenata

La foto in apertura è di Buccia di limone