Passeggiate Barocche a Scicli, Ragusa e Modica

scicli_chiesa_convento_croce_

Ritornano a Modica, Ragusa e Scicli le Passeggiate Barocche, le storiche camminate che vi faranno conoscere la storia, l’arte e la cultura iblea grazie ai preziosi racconti del professore e storico dell’arte Paolo Nifosì e al docente universitario e storico Uccio Barone.

Passeggiate Barocche 2017

A Modica potremo scoprire i segreti della chiesa di San Giorgio, a Scicli saliremo sul colle per riaprire le porte dell’antica matrice di San Matteo e infine a Ragusa passeggeremo nella città “nuova” e a Ibla.

Venerdì 6 agosto alle 20.30 – Ragusa – Visita dei Saloni della Prefettura a palazzo del Governo. L’edificio fu realizzato su progetto dell’architetto Ugo Tarchi per celebrare l’unificazione delle “due Raguse” e l’elevazione della città a capoluogo di Provincia nel 1927.
Mercoledì 9 agosto alle 19.00 – Scicli – Passeggiata barocca tra palazzo Busacca e la chiesa del Carmine. Ritrovo in piazza Busacca.
Venerdì 11 agosto alle 19.00 – Modica – Visita della chiesa di Sant’Anna dove potranno essere ammirate le mummie conservate nella chiesa. Ritrovo nella chiesa di Sant’Anna.
Mercoledì 16 agosto alle 18.00 – Scicli – Passeggiata barocca verso la chiesa di San Matteo. Ritrovo in piazza Italia davanti chiesa Madre.
Venerdì 18 agosto ore 19.00 – Modica – Visita della chiesa di San Giorgio. Ritrovo nella chiesa di san Giorgio.
Mercoledì 23 agosto ore 19.00 – Ragusa Ibla – Visita della chiesa di San Giorgio. Ritrovo davanti alla chiesa di San Giorgio.

 

Passeggiate Barocche, una storia lunga vent’anni

Da oltre vent’anni le Passeggiate Barocche permettono a tanti curiosi viaggiatori ma anche ai cittadini di conoscere la cultura e il costume intorno ai monumenti più belli delle città iblee. Iniziò tutto a Scicli nel 1994 quando Franco Causarano, storico direttore de Il giornale di Scicli, propose al Comune di riprendere l’esperienza delle visite guidate organizzate dal giornale e proporle al pubblico in versione serale. Fu un successo inaspettato che non si è mai arrestato.

Erano anni in cui le città iblee non erano mete turistiche e il territorio non aveva ancora preso coscienza della bellezza e dell’importanza di questo lembo di Sicilia. Erano anni in cui il racconto dei luoghi, lo storytelling diremmo oggi, non era pratica applicata ai monumenti e alla cultura. Erano anni in cui per fortuna iniziò questo bel percorso nella bellezza e nella conoscenza.

Negli anni successivi le passeggiate furono organizzate anche a Modica, Ragusa e Ispica, il pubblico rispose con lo stesso grande entusiasmo. Le passeggiate dimostrano come ci sia curiosità e voglia di conoscere attorno alle città Patrimonio dell’Umanità. La competenza degli accompagnatori e la bellezza dei luoghi fa il resto.

La manifestazione è organizzata dalla Fondazione Grimaldi di Modica, dalla Fondazione Confeserfidi di Scicli con il patrocinio del Comune di Modica. La partecipazione è gratuita.

Lascia una risposta