La Repubblica nella Golosa terra di Montalbano

pubblicato in: Città iblee, Vigata | 0

montalbano_commissario_terra_golosa_barocco_ragusa_vittoria_visit_vigata

Il quotidiano La Repubblica ha dedicato una pagina al “barocco e alle spiagge della golosa terra di Montalbano”. Il reportage, firmato da Donatella Chiappini e pubblicato sul giornale il 22 luglio, porta il lettore in giro per gli iblei partendo dalla casa del Commissario fino ad Ispica. Tappa dopo tappa si possono scoprire le bellezze e i sapori di questa terra.

montalbano_commissario_terra_golosa_barocco_ragusa_vittoria_visit_vigataDopo un tramonto e un arancino sulla spiaggia di Punta Secca il viaggio prosegue verso Ragusa. «È terra benedetta questa segnata dai Monti Iblei, Sicilia Orientale, provincia di Ragusa. Terra fertile eppure aspra. Basta saper guardare alla straordinaria bellezza del Duomo di Ragusa Ibla (Patrimonio Unesco), dedicato a San Giorgio, che abbraccia dall’alto di una ripida scalinata. Con quella facciata è l’estrema sintesi del barocco siciliano di Rosario Gagliardi (il maestro di Noto)».

Poco lontano dal barocco del capoluogo ibleo pascolano mucche che con il loro latte contribuiscono a «una delle eccellenze casearie italiane, il Ragusano dop. Più che un formaggio un parallelepipedo che resta appeso ad “asciugare” novanta giorni». Formaggio che può essere abbinato al Cerasuolo di Vittoria, strutturato vino rosso Docg che viene prodotto nella piana vittoriese. Ma «Vittoria offre ben altro, ortofrutta dalle mille varietà e un Liberty che non ha uguali in tutta la Sicilia. A cominciare dai palazzi del centro e dell’elegante Teatro Comunale in piazza del Popolo».

Dal Liberty di Vittoria ci si reimmerge nel barocco di Modica, città «gettata in una specie di canyon siciliano» dove «un palazzetto sull’altro, la città alta e quella bassa» sono illuminate da «una luce indimenticabile». Qui non si può non provare la «granulosa e amara» Cioccolata modicana.

Il viaggio prosegue, e si conclude, a Ispica ma c’è il tempo di citare la dolcezza delle giganti cipolle di Giarratana.

Lascia una risposta