Cava d’Aliga, bellezza raccolta

pubblicato in: Mare, Spiagge, Natura, Scicli | 0

scicli_cava_daliga_aliga_spiaggia

A dieci chilometri dal centro di Scicli troviamo Cava d’Aliga, piccolo borgo di mare con una graziosa spiaggia abbracciata da due imponenti scogliere che creano un golfo naturale. Alle spalle della spiaggia si estende un piccolo borgo che durante l’anno è abitato da meno di tremila persone ma d’estate si moltiplicano.

La spiaggia di fine sabbia è molto apprezzata da famiglie e giovani di Scicli ma negli ultimi anni è stata scelta anche da molti turisti che amano la cordialità della gente, la pulizia dell’arenile e del mare e i servizi che Cava d’Aliga offre. Questo tratto di costa soddisfa tutti: i bambini che possono fare i loro castelli con la sabbia, chi cerca relax, chi vuole fare sport chi ha voglia di un’isolata scogliera da dove tuffarsi o semplicemente prendere il sole o pescare.

Sport sulla spiaggia: il tambeach

cava_daliga_aliga_tamburelli_tambeachGli sportivi possono giocare a bocce, pallavolo, calcio e soprattutto a tamburelli (o tambeach), vera specialità di Cava d’Aliga. Nel 1975 si disputò il primo torneo di tambeach e vennero codificate le regole che nel 1996 divennero quelle ufficiali di questo sport estivo. Ancora oggi, ogni estate viene organizzato un torneo di tambeach che richiama tanti appassionati che si sfidano sulla spiaggia.

Grotta dei contrabbandieri e Punta Corvo

scicli_punta_corvo_grotta_contrabbandieri_parco_costa_carro

Il piccolo golfo che protegge la spiaggia è chiusa da dolci scogliere su entrambi i lati. Verso ponente, superando il tratto di scogli su cui resiste un rudere, si apre la spiaggetta, un’affascinante caletta attualmente non è accessibile. Proseguendo si arriverà nella lunga spiaggia di Bruca che corre per chilometri fino a Donnalucata.

Muovendosi verso oriente si arriva rapidamente alla Grotta dei contrabbandieri, la riconoscerete perché meta di tanti ragazzini che trascorrono i loro pomeriggi tuffandosi da questo tratto di scogliera. La grotta è un’affascinante cavità naturale in cui si incunea il mare e che al tramonto s’illumina di colori mozzafiato.

Proseguendo sul sentiero sterrato si arriverà a Punta Corvo e nel parco di Costa di Carro.

Lascia una risposta